1947-2017 Da 70 anni guardiamo al futuro

Il 2017 è per il Parco un anno molto importante; 70 anni fa infatti veniva istituito il Corpo di Sorveglianza.
Già dal 1856 i compiti di sorveglianza erano esercitati dalle Guardie della riserva Reale di Vittorio Emanuele II, dopo l'istituzione del Parco nel 1922 e gli anni bui del ventennio fascista, nel 1947 nasce ufficialmente il Corpo dei Guardaparco, uomini e donne che si sono battuti per salvaguardare la fauna e la flora che abita le nostre valli: in questa pagina vogliamo raccontare le loro storie e il loro impegno che ha reso il Parco la realtà che conosciamo oggi.

  • Eventi

Per incontrare i guardaparco, farvi raccontare il loro affascinante e impegnativo mestiere e scoprire le attrezzature e gli strumenti del loro lavoro, ogni valle del Parco ospita durante l’estate un appuntamento dedicato, all’interno di manifestazioni presenti sul territorio.

• Valle di Cogne: 1° luglio, in Viva il Parco! (Cogne);
• Valle Orco: 9 luglio, in Noasca da Re (Noasca);
• Valle di Rhêmes: 11 agosto, nel Gran Paradiso Film Festival (Rhêmes-Notre-Dame);
• Valsavarenche: 15 agosto, all’interno della Festa delle Guide Alpine (Pont Valsavarenche);
• Valle Soana: 18 agosto, nell’ambito della Festa del Sacro Cuore (Valprato Soana).

  • Videointerviste

I Guardaparco Martino Nicolino e Stéphanie Bethaz ci mostrano la loro esperienza nelle Valli del Parco.

Giacomo Guglielmetti ci parla della sua esperienza come Guardaparco dal 1957 al 1986.

Luigino Jocollè ci parla della sua esperienza come Guardaparco e Ispettore del corpo di Sorveglianza dal 2008 al 2011.
Il suo racconto è un invito a non smettere mai di meravigliarsi e scoprire come la Natura può sorprenderci ogni giorno. 

La voce di Paolo Orso Fiet, Guardaparco dal 1964 e Ispettore del corpo di Sorveglianza dal 1983 al 1988, ci racconta una vita dedicata alla Montagna e agli animali che la abitano; la sua storia testimonia i profondi cambiamenti avvenuti dai primi anni di vita del Parco fino ai giorni nostri: i conflitti, l'accettazione, il rapporto coi colleghi, i ricordi e la dedizione a un lavoro duro quanto gratificante. 

L'intervista scritta è stata pubblicata sull'ultimo numero di Voci del Parco ed è liberamente consultabile.