Chi ama protegge

riservato alle scuole del territorio - iscrizioni concluse per l'a.s. 2018-2019

Accompagnare i ragazzi in un percorso pluriennale di esplorazione di un patrimonio unico come quello del più antico Parco Nazionale italiano, attraverso la scoperta dei suoi molteplici aspetti: biodiversità, attività di ricerca scientifica, ambiente e tradizioni, funzione e significato delle aree protette. Partendo dal concetto che “ciò che si ama si protegge”, verrà stimolata l'affezione all'ambiente, che fa scaturire il senso di protezione e dunque la consapevolezza della necessità di conservazione.

Contenuti

Ogni anno lo sviluppo dei diversi argomenti viene declinato attraverso un filo conduttore tematico legato ai principali elementi: dopo l'acqua, la terra e l'aria, quest'anno sarà la volta del fuoco, inteso idealmente come rappresentazione del Sole, fonte di energia e vero “motore” degli ecosistemi naturali grazie alla fotosintesi clorofilliana che alimenta le catene alimentari, basilari per le relazioni fra i vari organismi. Ma il fuoco anche come metafora del riscaldamento climatico, che sta portando a mutamenti significativi a livello globale con ripercussioni negative in contesti locali, come ad esempio nel fragile ambiente alpino. Il fuoco infine rappresenta simbolicamente anche la passione, in questo caso per la natura e il Parco, dove i professionisti lavorano per tutelare la biodiversità.

Modalità

Incontri preliminari tra guide e docenti per concordare e calibrare i contenuti delle attività, contestualmente alle esigenze della classe. A seconda delle fasce scolari, il progetto prevede attività educative in classe e/o sul campo, con possibilità di esplorare le diverse valli del Parco.

Formazione/aggiornamento per insegnanti

E’ previsto un incontro di aggiornamento rivolto agli insegnanti che partecipano al progetto, sulle tematiche specifiche di “Chi ama protegge”, propedeutico al lavoro e alla metodologia da svolgere poi in classe e sul campo con gli alunni. Quest'anno sarà presente il Prof. Antonio Mingozzi, Direttore del Parco Nazionale Gran Paradiso e docente di ecologia e conservazione della fauna alle Università della Calabria e di Torino, che tratterà il tema “I flussi di energia negli ecosistemi naturali”.

La data prevista per l’incontro è fissata per le scuole Piemontesi:

  • lunedì 19 novembre, dalle ore 17 alle 19; località in fase di definizione.

Finanziamento del Parco

L'Ente Parco impegna a favore del progetto una quota per la copertura delle spese relative all'attività didattica (incontri nelle classi con intervento di guide esperte nell'educazione ambientale, accompagnamento in escursione). Il Parco si impegna a sostenere economicamente anche parte delle spese di trasporto per recarsi sul luogo dell'escursione. Le spese del mezzo di trasporto saranno totalmente a carico del Parco per le scuole ricadenti nei Comuni del suo territorio. Per le altre scuole il Parco contribuirà al 50% ai costi del trasporto, previa trasmissione della documentazione. Saranno a carico delle scuole i pranzi al sacco.

Per beneficiare del sostegno finanziario è necessario inviare all’ente una richiesta formale, indicando il numero delle classi e il numero dei pullman necessari, con un importo presunto di spesa. Si invita ad effettuare il più possibile accorpamenti di classi e ad utilizzare ove possibile bus scolastici o bus di linea.

Tempistica di massima

Novembre: incontro di aggiornamento rivolto agli insegnanti

Entro fine gennaio: incontri educatori-insegnanti

Da febbraio a metà maggio: incontri in classe e uscite

Festa conclusiva del progetto: al termine della scuola, in data e sede da definirsi.

Concorso

Quest’anno la scelta del tipo di elaborato sarà libera: ciascuna classe potrà decidere tipologia, modalità di realizzazione, tecnica, formato. Es: elaborato scritto, pittorico, fotografico, filmato…altro.

L’elaborato dovrà  tenere conto delle finalità e dei contenuti del progetto, cercando di seguire il filo conduttore di quest’anno (il fuoco), inteso come elemento di forte “passione”, in questo caso per la natura, di potente energia vitale, flusso di energia..

Unico vincolo: le dimensioni massime. Gli elaborati dovranno quindi rispettare i seguenti requisiti, previa esclusione dal concorso:

  • dimensioni massime 1 m x 1,2 m
  • non essere fragili
  • essere facilmente trasportabili

L'elaborato realizzato sarà oggetto di valutazione da parte di apposita Giuria, che stabilirà i lavori migliori che verranno premiati in occasione della festa conclusiva.

Gli elaborati dovranno essere consegnati entro il 30 aprile 2019. Come gli scorsi anni, si propone  come punto di raccolta degli elaborati le sedi delle Direzioni Didattiche. Si provvederà comunque a contattare gli insegnanti referenti del progetto per confermare la data del ritiro e le eventuali modalità.

Professionalità coinvolte

Supervisione e coordinamento dello staff del Parco

Organizzazione e segreteria: società di servizi incaricata dal Parco: Arnica s.c.

Educatori e guide del Parco

Riferimenti utili:

Nicoletta Fedrighini – referente del progetto per il Parco Nazionale Gran Paradiso
tel. 011-8606202, mail nicoletta.fedrighini@pngp.it

Coop. Arnica progettazione ambientale s.c. - Organizzazione e segreteria progetto
tel. 011-539179, mail info@arnicatorino.it

Area tematica: 
scoprinatura