Il CNR sceglie il Parco per la summer school su Critical Zone e dinamica degli ecosistemi

11 Lug 2018

E’ in corso di svolgimento, dal 10 al 18 luglio 2018, presso la sala convegni del centro visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso a Ceresole Reale, la Gran Paradiso Summer School, organizzata dall’Istituto di Geoscienze e Georisorse (IGG) del CNR di Pisa e dall’Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima (ISAC) del CNR di Torino.

Una scuola estiva a carattere internazionale, sia dal punto di vista dell’organizzazione, sia per gli iscritti: sono infatti più di 50 i partecipanti tra ricercatori ed esperti provenienti da Università ed Enti di ricerca europei, americani, e di altri paesi del mondo. Gli studiosi prenderanno parte a un impegnativo programma di lezioni di 9 giorni, con interventi di docenti provenienti dalle più importanti università ed istituti di ricerca di livello mondiale.

La scuola intende fornire le conoscenze di base sul funzionamento della Critical Zone, ovvero il livello più esterno della superficie terrestre che va dalla chioma degli alberi fino ai suoli, allo strato di roccia e alle falde acquifere. Particolare attenzione sarà dedicata ai temi della dinamica degli ecosistemi, dell’idrologia, della geochimica del suolo, della vegetazione, della biodiversità, dei processi geologici. Questi processi sono fondamentali per comprendere il ruolo svolto dalla Critical Zone per raggiungere uno sviluppo sostenibile. Il corso prenderà in considerazione lezioni frontali, lezioni all’esterno, esperimenti e escursioni per studiare vicini siti di interesse in aree montane alpine.

La scuola continua la tradizione iniziata con l’Alpine Summer School, attiva dal 1994 al 2016 con il supporto del Parco Nazionale Gran Paradiso. La Gran Paradiso Summer School, dedicata a temi ambientali e climatici, trova luogo ideale per il suo svolgimento in Valle Orco. Oltre alla stupenda cornice naturale e all’ospitalità forniti dalla Valle, la scuola condivide con il Parco i temi scientifici dello studio dell’ambiente e degli impatti dei cambiamenti climatici in particolare sugli ecosistemi e gli ambienti montani.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web della scuola: www.to.isac.cnr.it/gpss/index.html