Evento che conclude gli appuntamenti del centenario sul versante piemontese del Parco: Paola Giacomini in sella al suo cavallo Custode arriverà al Gran Paradiso con un dono speciale, dopo un percorso di tre mesi lungo l’Appennino, iniziato a metà giugno al Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise. Insieme a lei arriverà anche la bandiera del centenario del Parco, che dal 17 giugno svetta sulla cima del Gran Paradiso, un simbolo alto di tutela che racchiude tutta l’essenza della nostra missione.
Le attività in programma sono offerte dal Parco nell’occasione speciale del suo centenario.

Sintesi del programma
Per gli escursionisti che partono da Ceresole Reale: ore 9.00 ritrovo al parcheggio del Lago Serrù e partenza per l’escursione guidata (giro del lago)
Per gli escursionisti che partono da Pont Valsavarenche: ore 8.00 ritrovo al punto informativo delle Guide alpine e partenza per la salita guidata ai piani del Nivolet. Alle ore 11,30 arrivo alla sbarra dove una navetta messa a disposizione dal Parco condurrà fino al luogo dell’evento, presso il lago Serrù.
Ore 11,30 inizio evento presso la chiesetta della Madonna della Neve, con canti e musica a cura del gruppo Envie de chanter (Provincia di Cuneo), per accogliere l’amazzone e il suo cavallo al termine del lunghissimo trekking che dal Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise l’ha condotta fino al Gran Paradiso: un trekking che è il simbolo dell’unione dei due parchi, nell’anno in cui celebrano il loro centenario.
Ore 12.30 aperitivo-degustazione di prodotti del territorio offerta dal Parco Nazionale Gran Paradiso presso il ristorante La Baracca (loc. Serrù)

    

SCOPRI IL PROGRAMMA DETTAGLIATO

La montagna del Gran Paradiso con il suo ghiacciaio in regressione per il riscaldamento climatico, come i tanti altri ghiacciai alpini, riceverà in dono simbolico l’acqua di ghiacciai, nevai e torrenti raccolta da Paola durante il suo lungo percorso: assisteremo al rito del fuoco, con il quale quest’acqua verrà fatta evaporare e donata al Gran Paradiso in segno di auspicio.

Ad accogliere la bandiera e l’intrepida amazzone sono benvenuti gli escursionisti, i ciclisti, gli sportivi, le famiglie e i curiosi, con un programma speciale che vuole essere un momento di unione tra il Parco e i suoi frequentatori, con l’augurio che ciascuno di noi si impegni nella vita quotidiana a salvaguardare quel bene così prezioso che a tutti appartiene, in senso reale e profondo, la Natura.

Per gli escursionisti che partono da Ceresole Reale
Per chi desidera partecipare all’escursione guidata che percorre l’anello intorno al Lago Serrù (inserire link alla pagina PNGP in attività-escursioni), l’appuntamento con la Guida del Parco è alle ore 9.00 al parcheggio del Lago Serrù, al punto informativo. L’escursione è di facile percorrenza, con pochissimo dislivello, anche se bisogna essere dotati di abbigliamento da montagna e calzature adatte. Il percorso dura circa 2 ore e si snoda intorno alla quota media di 2.200-2.300 metri di altitudine, completamente in ambiente alpino, oltre il limite superiore del bosco. Ci si immergerà nell’ecosistema dell’alta montagna, con le sue morfologie glaciali e le specie tipiche vegetali e animali che abitano le alte quote, dove i raggi del sole sono potenti, i venti sferzanti, le estati brevi, la neve al suolo durante i lunghi mesi invernali. Scopriremo con la guida come le specie alpine si adattino agli ambienti estremi e come queste strategie di sopravvivenza indichino a noi il dovere del massimo rispetto per la loro fatica.

Per gli escursionisti che partono da Pont Valsavarenche: ore 8.00 ritrovo al punto informativo delle Guide alpine e partenza per la salita guidata ai piani del Nivolet. L’escursione è abbastanza impegnativa sia per la ripidità del primo tratto che per la lunghezza del tragitto sul pianoro. Infatti, dopo un primo tratto di salita breve ma con un dislivello di circa 350 m, ci si inoltra lungo il sentiero che attraversa tutto il piano del Nivolet fino ad arrivare al versante piemontese. Durante il percorso,  il paesaggio riserva sorprese inaspettate: attraversando il primo tratto tra pareti rocciose, non ci si aspetta di trovarsi improvvisamente di fronte ad un’ampia valle dove un limpido torrente scorre pigramente, disegnando numerosi meandri….un luogo riconosciuto come uno dei pianori d’alta quota più belli d’Europa, zona umida di grande importanza e interesse naturalistico. Insieme alla guida del Parco attraverseremo quindi  luoghi  di rara bellezza, circondati dall’acqua che crea paesaggi pieni di magia: la torbiera, le distese di candidi eriofori, i ruscelli cristallini che si rincorrono e si intrecciano. Ci lasceremo così guidare dall’acqua,  la più importante risorsa del Pianeta, in questo luogo speciale che è anche testimone di ricerche e progetti di tutela dei preziosi ecosistemi acquatici del Parco. Alle ore 11,30-12 arrivo alla sbarra, dove una navetta gratuita messa a disposizione dal Parco condurrà fino al luogo dell’evento, presso il lago Serrù.

L’EVENTO: escursionisti, ciclisti, sportivi e visitatori si ritroveranno alle ore 11,30 alla chiesetta Madonna della Neve, per ascoltare l’ensamble strumentale giovanile  ENVIE DE CHANTER (dalla Provincia di Cuneo) che eseguirà canti e musiche nell’ambito della rassegna “Armonie nel Gran Paradiso” curata dall’Associazione Cori Piemontesi. Sarà un momento di festa per accogliere Paola Giacomini e il suo cavallo Custode dopo il lungo trekking che dal Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise l’ha condotta fino al Gran Paradiso: un trekking che è il simbolo dell’unione dei due parchi, nell’anno in cui celebrano il loro centenario.

Alle ore 12.30 saremo ospitati al vicino ristorante La Baracca che avrà preparato per tutti i partecipanti un aperitivo-degustazione di prodotti e ricette tipiche del territorio piemontese del Parco. Il ristorante La Baracca è uno dei primi operatori che ha conseguito il marchio di qualità Gran Paradiso per la tipicità dei suoi menù, per la qualità dell’accoglienza e soprattutto per la condivisione dei principi di sostenibilità ambientale.

Alle ore 15 accensione del falò con il quale si farà simbolicamente evaporare l’acqua che sarà offerta in dono al ghiacciaio del Gran Paradiso in segno di augurio e di auspicio, ma anche a ricordo dell’importanza dell’acqua come bene prezioso per la vita di tutti gli esseri viventi. Un omaggio che chiuderà gli incontri nelle 5 valli tra il Parco e i suoi visitatori, un simbolo di amicizia e di impegno comune per la tutela della Natura.

per informazioni e prenotazione escursione dal versante piemontese:  info.pie@pngp.it; 0124-901070

per informazioni e prenotazione escursione dal versante valdostano:  info.vda@pngp.it; 347.4302875.

Il dono dell'acqua
Categoria organizzatore
Tipo evento
Tipo di iniziativa
Valle
Mappa