Il trekking dello stambecco

Da pochi giorni sono iniziate le riprese fotografiche e video per la promozione del Trekking dello Stambecco! Questo progetto, nato per contribuire alla creazione di valore sul territorio del Parco Nazionale Gran Paradiso, è incentrato sulla valorizzazione di un itinerario di grande fascino che collega i due versanti dell'area protetta.

Il tracciato, che si snoda attraverso fitti boschi, praterie d’alta quota, pietraie, laghi e torbiere, dona all’escursionista concrete possibilità di avvistare la tipica fauna alpina e il suo rappresentante più iconico, lo stambecco.

Lo stambecco alpino

Simbolo indiscusso del Parco Nazionale Gran Paradiso, questo maestoso ungulato abita gli ambienti rocciosi e le praterie d'alta quota dell'area protetta. Il maschio adulto di questa specie si distingue per le lunghe corna ricurve, che possono arrivare a sfiorare il metro di lunghezza. La femmina, più piccola e leggera, è invece dotata di corna corte e sottili. Nel periodo estivo la dieta di questo mammifero è composta esclusivamente da erba fresca, mentre nelle altre stagioni viene integrata con germogli, licheni, arbusti e persino aghi di conifere. Lo stambecco, giunto a un passo dall'estinzione nel corso del XIX secolo, ha trovato nel Parco Nazionale Gran Paradiso un luogo sicuro in cui prosperare, un'area protetta che ha ricoperto un ruolo decisivo nell'ambito della reintroduzione della specie sull'arco alpino.

L'itinerario

Punto di partenza dell'itinerario: Pravieux (Valsavarenche, AO)

Punto di arrivo dell'itinerario: località Villa (Ceresole Reale, TO)

Punti di appoggio: Rifugio Federico Chabod (2750 m), Rifugio Tètras Lyre (2000 m), Rifugio Città di Chivasso (2604 metri), Rifugio Guido Muzio (1667 m), Rifugio Guglielmo Jervis (2250 m)

Tempo di percorrenza consigliato: 6 giorni e 5 notti

Periodo di percorrenza consigliato: Luglio - Agosto

Come è nato il progetto

Il Trekking dello Stambecco è stato ideato nell'ambito della tesi di laurea magistrale intitolata "Creazione di valore per il territorio, un raffronto tra le strategie del Parco Nazionale Gran Paradiso e del Parco Naturale Alpi Marittime" (Corso di Laurea in Direzione d'Impresa, Marketing e Strategia presso la Scuola di Management ed Economia di Torino) dal fotografo naturalista professionista Luca Giordano (www.lucagiordanophoto.com). Il progetto è realizzato in collaborazione con Bianca Maria Minetti, laureanda in Giurisprudenza presso l'Università di Bologna con una tesi riguardante i parchi e la tutela del patrimonio naturale.

Gli sponsor del progetto

www.wildlifetravels.net      logo salewa           

Partecipa anche tu!

In occasione della tua ultima visita al Parco Nazionale Gran Paradiso hai immortalato un paesaggio mozzafiato, una fioritura particolare o un animale selvatico? Condividi la tua fotografia su Instagram utilizzando l'hashtag #TrekkingdelloStambecco. Ogni due settimane, la foto più significativa verrà condivisa (e il suo autore sarà taggato) tra le "storie" Instagram del Parco Nazionale Gran Paradiso e di Luca Giordano. Il concorso è attivo dal 15 Giugno al 31 Agosto 2018.