La marmotta

La marmotta (Marmota marmota)

L'habitat della marmotta è rappresentato dalla prateria alpina e subalpina. Vive specialmente sui pendii esposti a sud, dove suolo, detriti e massi stabilizzati permettono la costruzione di profonde tane. Sebbene normalmente abiti la zona al di sopra del limite superiore degli alberi, tra i 2000 e i 3000 metri di quota, in alcune aree, in assenza di vegetazione arborea, può scendere fino a 800 metri. Ha una lunghezza di 53-73 cm, più 13-16 cm di coda, per un'altezza alla spalla di 18 cm. Il peso oscilla tra 4 e 8 kg. Supera la stagione invernale all'interno di profonde tane d'ibernazione, immersa in un letargo profondo, alternato a brevi e periodici risvegli, finalizzati al mantenimento di temperature corporee vitali (circa 4° C). Si nutre in prevalenza di erba ma si ciba anche di germogli, semi, frutta, bacche e radici, non disdegnando talvolta gli insetti, piccoli mammiferi e uova di uccelli. La specie è presente in maniera uniforme in tutto il Parco, anche se la sua osservazione è più facile nelle aree di altopiano (Nivolet) e sulle praterie attivamente frequentate dai turisti (Vallone del Lauson, Benevolo, Levionaz, ecc..).

Foto: Marco Ferrando